biografia

DARIO GAREGNANI, direttore d’orchestra

Direttore d’orchestra italiano specializzato nel repertorio contemporaneo, nei nuovi linguaggi e nelle esperienze più recenti di teatro musicale, è stato una dei finalisti nel 2010 per la carica di assistant conductor per l’Ensemble InterContemporain di Parigi guidato da Pierre Boulez, debuttando lo stesso anno sul podio dell’orchestra del Teatro La Fenice di Venezia per l’evento inaugurale della Biennale Musica. Ritornerà sul podio della stessa orchestra l’anno successivo per il concerto di chiusura della manifestazione, con un programma dedicato a Nono e Stravinskij.

home3

Assistente di Mauricio Kagel alla Biennale Musica di Venezia e al Kagel Festival a Buenos Aires, ha diretto la prima esecuzione italiana della sua opera mare nostrum e Variété nella stagione dell’Accademia Filarmonica Romana al Teatro Olimpico di Roma, registrato per RadioRai.

Ha al suo attivo decine di prime esecuzioni assolute per grande orchestra sinfonica e per i più vari organici, fino alle monumentali prime esecuzioni assolute di Mise en abime (2010) e Garon (2011) del compositore israeliano Yuval Avital. Con l’ensemble Secret Theatre, di cui è stato tra i fondatori, ha diretto le prime esecuzioni nazionali di Pierrot Lunaire e Kammesymphonie di Schoneberg al festival Fadjr di Tehran, in un programma dedicato ai compositori discriminati dal nazismo, Schoenberg, Berg, Webern e Eisler. La prima esecuzioni di Pierrot Lunaire con voce maschile a Tehran e Shiraz ha riscosso un enorme successo di pubblico e critica, decretata una delle migliori performance del festival, trovando eco sulla stampa mondiale; il repertorio al limite tra XIX e XX secolo, tra i due poli Mahler e Schoenberg si dimostra continuamente come uno dei suoi preferiti e più a lungo frequentati. Sempre alla guida di questo ensemble ha lavorato a lungo per il conservatorio di Milano aggiudicandosi i bandi per l’esecuzione di tutti i brani degli allevi compositori, collaborazione che continua con recenti prime esecuzioni per grande orchestra sinfonica alla guida dell’Orchestra Sinfonica di Milano ‘Giuseppe Verdi’.

Dopo gli studi strumentali, ha studiato composizione al conservatorio di Milano sotto la guida di Sandro Gorli, di cui è poi stato a lungo assistente, dirigendo in numerose occasioni il Divertimento Ensemble, come nella performance dei Message de feu mademoiselle Troussova di Kurtag, alla presenza dell’autore e una nuova versione scenica di Satyricon di Maderna.

412969_orig[1]
home1

Appassionato di teatro musicale, si è laureato prima in scienze dei beni culturali con una tesi in drammaturgia musicale dedicata ad Offenbach, quindi in musicologia con una tesi dedicata alla tecnica del coro parlato nella musica del Novecento, entrambe le volte con il prof. Emilio Sala, col massimo dei voti e la lode. Le sue competenze ed esperienze contemplano regia teatrale, regia delle luci, regia del suono e live electronics, che ha curato in diverse occasioni per il Festival MiTo, per il Piccolo Regio di Torino, per la Biennale musica e per il Comunale di Bologna. Sul versante discografico ha pubblicato un cd dedicato a F. Delli Pizzi (Chamber Music, 2008) e per l’etichetta Brilliant Classics dedicato a G. Albini (Musica Ciclica, 2013) e ha curato le musiche per L’ottimista di Leonardo Manera e Marco Rampoldi, prodotto per Rai5. Insegna Teoria, Storia della musica, armonia e drammaturgia musicale alla Civica scuola di musica ‘A. Pozzi’ di Corsico dal 2009, svolgendo intensa attività divulgativa in vari contesti, fino alle lezioni di storia del melodramma tenute nel 2011 in un progetto pilota presso il carcere di Lodi. Si è diplomato clarinetto, studiando anche canto e composizione al conservatorio di Milano, specializzandosi poi ai corsi di Sandro Gorli per il repertorio contemporaneo, con Benjamin Zander e Janos Furst a Londra e ai master della Philarmonic Society di San Pietroburgo. Dopo la prima esecuzione assoluta di Round di G. Marangoni al Long Lake Festival di Lugano, è invitato a dirigere anteprima e prima mondiale di REKA di Yuval Avital al festival MiTo (16/9) e al prestigioso Warsaw Autumn Festival (24/9).